Un’anteprima del mio laghetto

Il mio mini-pond in attesa della primavera per essere completato, periodo in cui le piante acquatiche rinascono e in cui potrò introdurvi dei pesci!
Intanto vi ho inserito il Cyperus Alternifolius (che lavora come fitodepuratore), il vaso vuoto contiene dei bulbi di calle e sott’acqua c’è una cosiddetta pianta sommersa ossigenante (essenziale per ossigenare l’acqua).

Ciao plants addicted!

Prima di mostrarvi il mio laghetto dovrei spiegarvi perché ho deciso di mettere un laghetto nel mio giardino…

I motivi sono tanti, ma prima di tutto quando ti appassioni alle piante ed inizi a conoscerle tutte (o quasi, tutte è impossibile), inizi a visitare vivai la domenica 😂, giardini botanici, ville, ti prende la fissa di averne uno a casa tutto tuo (almeno così è stato per me) perché è un ambiente bellissimo da ammirare, crea relax ed un atmosfera unica nel proprio giardino.

Ma non è soltanto questo il motivo. Intanto le piante acquatiche sono favolose, alcune regalano delle bellissime fioriture come le ninfee, il loto, l’iris e il giacinto d’acqua e tante altre… Con il laghetto poi si crea, (quando si riesce nell’impresa) un ecosistema completamente autonomo e autosufficiente, ricco di vita sia dentro che fuori, crea umidità anche per altre piante che vi si vogliono mettere intorno ed è anche molto utile per tutti i piccoli animali che vanno ad abbeverarsi (uccellini, gatti, insetti, rospi ecc…) oppure che lo utilizzano per riprodursi – fra cui purtroppo ci sono anche le zanzare, ma non preoccupatevi c’è un metodo semplicissimo per debellarle! Basterà introdurre dei pesci (meglio se della specie Carassio, i classici pesci rossi) e faranno loro tutto il lavoro: oltre ad ossigenare l’acqua mangeranno tutti gli insetti, comprese le zanzare e le loro uova e larve!!

Non tutti possono però permettersi di avere un lago all’interno del proprio giardino, vuoi per motivi di spazio o economici (perché la spesa per realizzarlo non è esigua); ma non per questo deve rimanere un lusso per pochi e l’idea più semplice per realizzarlo è quella del mini-pond, o mini laghetto, che può essere fatto o nella terra o in modo più semplice in vaso!

E’ un’idea che sopratutto all’estero ha già preso molto campo ed il tipo di laghetti che vanno per la maggiore sono quelli in vaso, vi basterà guardare su Istagram l’hashtag #minipond per rendersene conto…è diventata una vera e propria moda!

Per creare un effetto bello, ordinato e sofisticato, soprattutto per chi ha una casa in stile moderno o minimal, basterà acquistare un vaso di design abbastanza capiente e non forato, inserirvi all’interno qualche pianta acquatica – ovviamente di piccole dimensioni – ed il gioco è fatto! Se poi il vaso è capiente e non piccolissimo vi si può introdurre anche qualche pesce rosso (le Carpe Koi – quelle con i “baffetti” per intenderci – sono sconsigliate, per le grandi dimensioni che raggiungono in poco tempo).

Ci sono delle regole rigorose da rispettare però per mantenere a lungo l’acqua del laghetto pulita, priva di alghe e limpida. Si può inserire una pompa ossigenante, alimentata o a corrente o da un pannello solare. Inoltre se nel mini-pond ci sono soltanto piante e non ci sono i pesci si potrà utilizzare un prodotto anti alghe; se al contrario i pesci sono presenti si può acquistare uno specifico anti alghe per acquari. Io al momento non uso nessuno di questi metodi, poiché se si crea il giusto equilibrio attraverso l’utilizzo di piante ossigenanti e depuranti, il laghetto resta pulito e limpido senza altri interventi! Certo l’acqua non sarà mai come quella di un acquario perché appunto si tratta di un laghetto all’aperto, vi cadono foglie, insetti e tanto altro! Ma è comunque un’ambiente naturale bellissimo da ammirare. E’ normale quindi che l’acqua o il vaso non siano pulitissimi, ma occorre evitare che l’acqua diventi torbida e non si veda il fondo.

Tutto questo però ve lo spiegherò nel prossimo articolo sul laghetto (dato che la spiegazione è non è breve), dove vi dirò come ho realizzato il mio, dove l’ho posizionato (è molto importante anche la posizione), i materiali che ho usato, dove li ho acquistati, quali piante ho messo all’interno e perché e tanti altri segreti!

In questo articolo intanto vi mostro le foto del mio mini-pond, per far innamorare anche voi di questa “arte”! Non so se vi piace, non ho puntato a creare un’installazione bellissima e di lusso bensì un laghetto basato sul motto “minima spesa massima resa” 😄! Il mio giardino non è grandissimo, non abbiamo ancora terminato i lavori, quindi ho dovuto optare per una soluzione ingegnata da me, che nell’eventualità di cambiamenti potesse essere spostata. Inoltre, dato che ho già speso un patrimonio per tutte le altre piante non potevo ancora spendere! Credo che un laghetto di queste dimensioni sia anche l’idea migliore per prendere dimestichezza prima di passare più avanti ad un laghetto più grande. Ah dimenticavo, il mio metodo è interamente fai da te (anzi fatto da me)!

Mini-pond in fase di allestimento, nell’autunno 2018.
Il periodo migliore per realizzarlo è però la primavera, quando le temperature miti dell’aria permettono l’introduzione dei pesci e fanno rinascere la vegetazione (in inverno le piante acquatiche seccano, ma non muoiono!)
Ho inserito il mio laghetto nel giardino a sud della casa ma riparato da un muretto.
E’ inserito all’interno di un’aiuola ed è per metà interrato; la parte che resta fuori dalla terra è stata coperta con una bordura in legno.
Sul fondo e all’interno dei vasi ci sono dei ciottoli bianchi, ed ecco la piantina sommersa!
E’ inevitabile che in inverno il laghetto si ghiacci, sia se è di piccole che di grandi dimensioni. E’ importante però costruirlo in modo tale che non si formi un unico blocco di ghiaccio. Infatti i laghetti in vasi di dimensioni piccole non possono passare l’inverno fuori (vanno rientrati o comunque messi al riparo dal ghiaccio).
Per i mini-ponds più grandi è invece importante che la superficie non rimanga completamente ghiacciata a lungo poiché questa situazione non permette l’ossigenazione ed è indispensabile soprattutto se al suo interno vivono dei pesci! Io rompo il ghiaccio ogni mattina, oppure vi si può lasciare a galla una palla, una bottiglia o una ninfea finta.
Sembra vetro! E’ magico anche in inverno!
Il laghetto innevato!!!
Ed infine un video divertente del laghetto con ospiti 🙂

Per adesso è tutto, restate collegati al mio blog perché presto inserirò nel laghetto i pesci e nuove piantine acquatiche! E nei prossimi articoli vi fornirò le istruzioni per realizzare il mini-pond!

A presto e grazie per la lettura!!!

2 pensieri riguardo “Un’anteprima del mio laghetto”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...